EMI e Apple: la fine dei DRM per gli Mp3

Digital Rights Management per molti sinonimo di protezione dalla copia è il mezzo usato per tutelare i diritti d’autore.
Gli Mp3 venduti su iTunes sono soggetti a restrizioni sulla copia che impediscono a chi regolarmente paga una canzone di farne ciò che vuole, dalla copia, all’uso su un diverso iPod.

Ieri è stato un giorno storico; finalmente EMI (nota etichetta discografica) insieme ad Apple hanno posto fine o almeno hanno spianato la strada verso un mondo libero dai DRM. L’annuncio è di brani musicali codificati in AAC a 256Kbits completamente privi di sistemi anti-pirateria e quindi denominati DRM-Free.
I brani costeranno 1,29$, contro i 0,99$ dei brani attuali, e avranno una qualità superiore oltre al fatto che potranno essere copiati su iPod diversi e si potranno spostare su computer diversi e masterizzare normalmente senza restrizioni.

Il prezzo degli album completi sembra sia destinato a rimanere invariato.
I brani musicali DRM-Free affiancheranno quelli DRM e l’utente potrà scegliere quale comprare. Chi ha già comprato le proprie canzoni, avrà la possibilità di scaricarne una versione senza protezioni anti-pirateria per 0.30$ in più.
Apple ha affermato che presto anche altre case discografiche si uniranno all’iniziativa e entro il prossimo anno tutti i brani saranno disponibili in versione priva DRM-Free.

Restiamo sintonizzati su iTunes, lo store numero uno al mondo per vendita di Mp3 perché da Maggio saranno disponibili i nuovi brani.

0 SCRIVI COMMENTO
Questi articoli potrebbero interessarti: