> > >
  • TINDARO BARTUCCIOTTO

    Per gli interventi e le politiche per l’infanzia “non c’e’ razionalizzazione ne’ di strutture ne’ di risorse in Italia”, e per questo, dopo le mancate promesse un anno fa a Roma da parte dell’Esecutivo di un nuovo piano nazionale per l’infanzia, l’affossamento del decreto per l’istituzione del Garante e, oggi, a Napoli, una Conferenza nazionale senza rappresentanti del Governo, richiamati in aula per un voto di fiducia, l’Unicef chiede “risorse certe” nella Finanziaria 2010 perche’ “si sta sbagliando nel sottovalutare quella che e’ un’emergenza anche italiana”. Vincenzo Spadafora, presidente di Unicef Italia, conversando con i giornalisti a margine della Conferenza nazionale per l’Infanzia e l’Adolescenza, si interroga. “Il Governo ha compreso i problemi reali delle famiglie? E se si’, dia delle risposte – dice – noi ormai abbiamo pudore a chiedere sostegno alle famiglie italiane alle campagne internazionali per i diritti dell’infanzia perche’ ci rendiamo conto che hanno problemi diversi, ma non meno gravi, a casa per i loro figli. C’e’ retorica nel fare una conferenza di questo genere a Napoli, citta’ dove un bimbo puo’ morire perche’ l’Enel stacca la corrente elettrica, senza che il Governo invii almeno un suo rappresentante a raccogliere le nostre riflessioni”. Le organizzazioni di settore, aggiunge, sono pronte a sedersi a un tavolo per un nuovo indispensabile piano nazionale per l’infanzia, “fondamentale”, anche perche’ legato a una certezza di stanziamenti per politiche di settore.

    L’OPERATORE SOCIALE SPECIALIZZATO IN: OTS & LUDOTECARIO: BARTUCCIOTTO TINDARO (SACERDOTE PER LA PASTORALE SOCIALE – SANITA & ANTICRIMINE)

  • lorenza

    aiutateli vi sorrideranno