Navigare gratis nel Parco della Biodiversità Mediterranea di Catanzaro

parco della biodiversita catanzaroVisto che alcuni dei nostri visitatori più fedeli sono di Catanzaro, vi riporto questa notizia pubblicata dall’ANSA che potrebbe essere molto utile:

“CATANZARO, 22 GEN – Il Parco della Biodiversità Mediterranea di Catanzaro arricchisce la propria offerta ai suoi visitatori con Internet wireless. In una nota, la Provincia di Catanzaro rende noto che ‘è possibile da qualunque punto del parco, a chi sia provvisto di un computer portatile o di un palmare, di accedere ad internet a costo zero e a tempo indeterminato. Chiunque potra’ dunque utilizzare il Parco per studiare, chattare o semplicemente navigare in internet senza costi di connessione‘.”

Mi sa che la prossima volta che verrò a Catanzaro mi porterò il portatile :-P
(se poi qualcuno è così generoso da regalarmi un palmare, non lo rifiuto di certo… :-D )

8 Commenti

  1. Se vi sono apprezzati i dovuti complimenti, mi permettodi lasciare un modesto commento per dimostrare il mio interesse per l’ottimo vostro lavoro. Saluti!

  2. Dato che faccio servizio al museo, confermo il servizio che però ancora non è definitivamente attivo, e non è a tempo indeterminato.
    Funziona che i dipendenti del museo vi danno una password (per connettervi alla wi-fi) alla consegna di un vostro documento d’identità, che vi riprenderete quando andate via, e disattivano la password.
    Inoltre Vi avviso che il traffico internet è registrato e monitorato per ovvi motivi di sicurezza.
    Sono stato il primo ad inaugurare la wi-fi cmq, ed è molto limitata solo alla navigazione internet (no download da ftp, figuriamoci da emule) e al servizio di Messenger.
    Bye Bye :p

    • Per la precisione: il museo non è sempre aperto almeno non per l’intero orario di apertura del parco quindi non puoi chiedere la password se arrivi con il muro chiuso e devi necessariamente andarti a ritirare il documento quando questo chiude anche se ti vuoi trattenere e quindi navigare ancora nel parco

  3. La foto è presa da tutt’altro posto, più precisamente dal “parco archelogico” a roccelletta di borgia. Le statue sono parte integrante di una mostra lì adibita e che pare sia stata smantellata oltre un anno fa.
    ANSA… l’hai cacata!!

LASCIA UN COMMENTO