Come effettuare il rooting di BlueStacks App Player

Abbiamo già parlato di BlueStacks App Player, un software che permette di utilizzare le applicazioni Android direttamente sul PC.
Tuttavia, così come per molti smartphone, per utilizzare a pieno il sistema operativo Android e permettere di installare alcuni programmi altrimenti non utilizzabili, occorre ottenere l’accesso di root su Android.
Il team di XDA Developers è riuscito ad effettuare il rooting di BlueStacks App Player, qui di seguito troverete la guida per ottenere l’accesso root su BlueStacks App Player con elencati tutti i file necessari.
BlueStacks App Player rooting
Innanzitutto occorre avere una versione specifica di BlueStacks App Player, in quanto ancora le ultime versioni rilasciate non sono state “roottate”, la versione testata è la 0.6.3.0686.

Iniziamo, quindi, scaricando e installando BlueStacks App Player 0.6.3.0686:
Download BlueStacks App Player 0.6.3.0686

Gli altri file necessari per effettuare il rooting sono:

  1. initrd-betahack.img
  2. ramdisk.img
  3. su.x86
  4. BlueRegistryMOD.reg
  5. system.img
  6. Android SDK Tools (non dovete scaricate la versione bundle ma solo SDK Tools for Windows, che è scaricabile cliccando su USE AN EXISTING IDE o DOWNLOAD FOR OTHER PLATFORMS sotto la voce SDK Tools Only)

I file initrd-betahack.img, ramdisk.img, su.x86 e BlueRegistryMOD.reg si trovano all’interno del file Rooting_BlueStacks_Beta_a.zip scaricabile dal link qui in basso:
http://forum.xda-developers.com/attachment.php?attachmentid=981591&d=1333513823/.

Prima di procedere occorre assicurarsi che Bluestacks non sia in esecuzione:

  1. cliccare con il tasto destro del mouse sull’icona di Bluestacks nel systray e selezionare Chiudi;
  2. controllare da Gestione Attività di Windows i processi di Bluestacks in esecuzione (occorre mostrare i processi di tutti gli utenti) e terminarli, dovrebbero essere elencati dei processi che iniziano con HD- per esempio HD-Agent.exe, per sicurezza è meglio controllare nella descrizione che appartengano a Bluestacks.

Copiare i file initrd-betahack.img, ramdisk.img, system.img in:
\%programdata%\BlueStacks\Android\

Occorre apportare delle modifiche nel file di registro BlueRegistryMOD.reg.
Innanzitutto bisogna trovare il GUID utente associato all’installazione di Bluestacks all’interno del registro di sistema:

  1. Avviare regedit.exe (dal menu Avvio scrivere regedit.exe in Cerca programmi e file e cliccare su cmd.exe);
  2. andare al percorso HKEY_CURRENT_USER\SOFTWARE\BlueStacks (se non trovate la chiave provate invece HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\BlueStacks);
  3. trovare la voce USER_GUID e copiare il valore dati che sarà un codice simile a questo:
    dd6fc7c0-04f1-11e2-872f-001617ba1848.

Ora occorre inserire il valore GUID trovato in precedenza in due sezioni del file BlueRegistryMOD.reg:

  1. Aprire per la modifica il file BlueRegistryMOD.reg (cliccare con il tasto destro del mouse sul file e selezionare Modifica);
  2. incollare il proprio GUID al posto del testo ENTER-YOUR-GUID-HERE, le due parti da modificare dovrebbero trovarsi alla riga 4 e 32 del file;
  3. salvare le modifiche effettuate ed “eseguire” il file BlueRegistryMOD.reg (verranno inserite le chiavi modificate nel registro di sistema).

Il passo successivo è quello di installare Android SDK Tools che è stato scaricato in precedenza e, una volta installato (selezionare di installarlo per tutti gli utenti di Windows), avviare Android SDK Manager, mettere la spunta su Android SDK Platform-tools ed installarlo cliccando su Install packages.
Copiare il file su.x86 in “C:\Program Files (x86)\Android\android-sdk\platform-tools” (il percorso in cui è stato installato Android SDK Platform-tools, potrebbe anche essere diverso).

Fatti tutti i preparativi passiamo alla procedura vera e propria per effettuare il rooting di BlueStacks App Player.

  1. Avviare Bluestacks.
  2. Aprire una finestra dei comandi di Windows (dal menu Avvio scrivere cmd.exe in Cerca programmi e file e cliccare su cmd.exe).
  3. Scrivere nella finestra dei comandi:
    cd "C:\Program Files (x86)\Android\android-sdk\platform-tools"
    adb connect 127.0.0.1:5555
    adb root

    (dovrebbe apparire il messaggio: “adbd is already running as root”)
    adb remount
    adb shell rm /system/xbin/su
    adb push su.x86 /system/xbin/su
    adb shell chmod 6711 /system/xbin/su
    adb shell mount -o ro,remount -t ext4 /dev/sdb1 /system
  4. Chiudere la finestra dei comandi.
  5. Riavviare Bluestacks e si sarà concluso il rooting di Bluestacks.

Per avere la conferma che si ha l’accesso di root si può installare su Bluestacks l’app Boot Checker che confermerà o meno l’accesso di root su Bluestacks.
BlueStacks App Player root access

Articoli correlati

Ricevi altri articoli come questo

Iscriviti alla mailing list e riceverai articoli interessanti e news comodamente nella tua mail

SCRIVI COMMENTO
Ti piace GiardiniBlog?