Cos’è il Cloud Pubblico

Torniamo a parlare di Cloud, un argomento attuale che sta suscitando un interesse crescente nel nostro paese e verso il quale si stanno orientando aziende nostrane di piccole, medie e grandi dimensioni.

cloud-pubblico

Il Cloud indica un insieme di servizi online il cui uso viene semplificato astraendo dai dettagli delle infrastrutture intese come risorse di calcolo, dati o server.

Tra i vari modelli di Cloud, esistono quelli relativi allo spazio di archiviazione (di cui abbiamo parlato nell’articolo Cloud Storage) e quelli relativi alle risorse computazionali e applicazioni, ovvero relativi al Cloud Computing. In questo articolo esaminiamo il modello del Cloud Computing, che nella sua forma disponibile attraverso la rete internet, è denominato Cloud Pubblico.

Il Cloud Pubblico, come detto sopra, si basa sul modello del Cloud Computing in cui, il fornitore dei servizi, rende “pubbliche” (disponibili) le sue risorse su Internet. Si distingue dal Cloud Privato, in cui le risorse sono create e gestite privatamente dalle singole aziende o utenti.

Il Cloud Pubblico è disponibile sia per i privati che per le aziende; chiunque decida di usufruirne, demanda i costi della tecnologia necessaria e la gestione della stessa ad un provider terzo, esterno alla propria sede. Un provider di servizi per il Cloud Pubblico ha a disposizione una grande infrastruttura di rete di computer che viene condivisa con tutte le aziende che scelgono un pacchetto di offerte proposto dal provider stesso.

Perché scegliere un Cloud Pubblico

Le imprese moderne hanno la necessità di elaborare una grande quantità di dati, conservarli e definire una serie di sistemi e applicazioni per i propri clienti.

Costruire internamente una struttura complessa che soddisfi esigenze di prestazioni e scalabilità, ha un costo non indifferente per le aziende che sono costrette a stimare le risorse di cui hanno bisogno e dimensionare le infrastrutture in maniera appropriata (cosa che a priori non è sempre possibile determinare).

Optando per una soluzione di Cloud Pubblico, un’organizzazione ha la possibilità di scaricare la parte di configurazione, gestione delle risorse computazionali e installazione dell’infrastruttura fisica di cui ha bisogno, completamente sul provider di Cloud Pubblico. In altre parole, il Cloud Pubblico abbatte i costi dell’infrastruttura e si propone come la soluzione definitiva ad uno dei problemi più grandi di un’attività o impresa informatizzata.

Quali sono i vantaggi di un Cloud Pubblico

Possiamo elencare in dettaglio quali sono i maggiori benefici che derivano dall’uso di un Cloud Pubblico.

Scalabilità

Adattare le risorse computazionali in base al carico di lavoro che è variabile nel tempo. Esiste infatti la reale necessità di disporre di risorse di calcolo maggiori o minori a seconda delle richieste. Con il Cloud Pubblico si estendono in maniera trasparente le risorse a disposizione, senza preoccuparsi di riprogettare l’intera infrastruttura interna di un’azienda.

Continuità

Avere accesso e rendere disponibili applicazioni e web services con una continuità nel tempo. Un Cloud Pubblico ci protegge da disastri fisici o errori nelle macchine per garantire un uptime praticamente di 365 giorni all’anno.

Essere protetti da fallimenti di tipo hardware o software è critico per un’azienda che ha bisogno di offrire un servizio continuo ai propri clienti.

Sicurezza

L’affidabilità e la sicurezza dei dati, è una cosa molto complessa da gestire che generalmente richiede sistemi di backup e ridondanze, dislocazione dei server in diverse zone geografiche, migrazione di macchine virtuali, gestione della connettività e banda su internet, gestione degli spazi di archiviazione e altro ancora.

Costi

Occuparsi internamente e localmente di tutta l’infrastruttura necessaria per avere scalabilità, continuità e sicurezza, richiede costi e capacità che non sempre possono essere sostenuti con la propria attività. Il Cloud Pubblico si basa su un modello di tipo “pay per use” ovvero il costo è sempre proporzionale all’uso reale che si fa delle risorse messe a disposizione. In qualsiasi momento è possibile controllare la spesa che varia in maniera dinamica in base al reale utilizzo.

Anche i costi di setup sono completamente abbattuti perché sulle spalle del provider di Cloud Pubblico.

Scelta di un Cloud Pubblico

Una volta scelto di delegare la gestione delle risorse all’esterno sfruttando le peculiarità del Cloud Computing, si deve optare per un provider di Cloud Pubblico o fornitore dei servizi adeguato che possa soddisfare tutte le nostre esigenze. Ovviamente i prodotti e le offerte dei provider possono variare e partire da configurazioni più semplici con capacità minori o avere subito alte prestazioni e scalabilità immediata.

Se abbiamo un business o abbiamo intenzione di avviare un’attività in Italia, la vicinanza fisica dei sistemi e l’assistenza può essere determinante nella scelta del Cloud Pubblico. Un importante fornitore di servizi di Cloud Pubblico completamente italiano è Seeweb, provider che si è affermato da tempo come punto di riferimento per molte aziende di medie e grandi dimensioni in Italia che offre configurazioni specifiche per ogni esigenza.

Attendi...